Il Ministero per i beni e le attività culturali ha indetto un concorso per assunzioni a tempo indeterminato di personale.

Il bando è finalizzato al reclutamento di Addetti alla vigilanza e accoglienza, che potranno lavorare nei musei e negli uffici MIBAC.

SCADENZA 23 settembre.

Sono stati messi a bando 1.052 posti di lavoro MIBAC nel personale non dirigenziale del Ministero. La selezione pubblica, che è per esami, prevede l’assunzione a tempo indeterminato dei vincitori, con inquadramento nella II Area, posizione economica F2, profilo professionale di Assistente alla fruizione, accoglienza e vigilanza del Ministero per i beni e le attività culturali.

POSTI E SEDI DISPONIBILI

I candidati selezionati potranno lavorare nel Ministero dei Beni Culturali presso vari uffici regionali. I posti di lavoro a concorso sono così distribuiti:

  • Abruzzo – n. 30 posti;
  • Basilicata – n. 18 posti;
  • Calabria – n. 64 posti;
  • Campania – n. 200 posti;
  • Emilia Romagna – n. 51 posti;
  • Friuli Venezia Giulia – n. 7 posti;
  • Lazio – n. 198 posti;
  • Liguria – n. 48 posti;
  • Lombardia – n. 77 posti;
  • Marche – n. 15 posti;
  • Molise – n. 14 posti;
  • Piemonte – n. 57 posti;
  • Puglia – n. 36 posti;
  • Sardegna – n. 14 posti;
  • Sicilia – n. 2 posti;
  • Toscana – n. 155 posti;
  • Umbria – n. 20 posti;
  • Veneto – n. 46 posti.
REQUISITI

Ai candidati si richiede il possesso dei seguenti requisiti generali:
– cittadinanza italiana o straniera, purchè in linea con le condizioni di cittadinanza indicate nel bando;
– età minima di 18 anni;
– diploma di scuola secondaria di secondo grado;
– idoneità fisica;
– godimento dei diritti civili e politici;
– non essere stati esclusi dall’elettorato politico attivo;
– non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell’articolo 127, primo comma, lettera d), del Testo Unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
– assenza di condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l’interdizione dai pubblici uffici;
– per i candidati di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare rispetto agli obblighi di leva.

Per tutti i dettagli relativi alle caratteristiche richieste ai concorrenti si rimanda alla lettura integrale del bando.

PROVE D’ESAME

Il concorso Ministero Beni Culturali prevede l’espletamento delle seguenti prove:

  • prova preselettiva;
  • prova scritta;
  • prova orale.

Gli esami si svolgeranno con le modalità e nelle tempistiche indicate nell’avviso pubblico di selezione, dove sono riportati anche gli argomenti oggetto delle prove.

DOMANDA

Le domande di partecipazione devono essere presentate, secondo le modalità indicate nel bando, attraverso l’apposita procedura online, raggiungibile da questa pagina, entro il 23 settembre 2019.

Per partecipare alla procedura concorsuale è previsto il versamento di una quota di partecipazione dell’importo di 10 euro.

LEGGI IL BANDO, CLICCA QUI!

VUOI PREPARARTI ALLA SELEZIONE?

A breve sarà disponibile una preparazione al concorso in oggetto. Il Corso ha l’obiettivo di preparare il discente ad affrontare in maniera appropriata, i concorsi Pubblici per l’accesso nella PA.

Chiedi al TUO referente sindacale UIL FPL il CODICE SCONTO.

Per ulteriori info CLICCA QUI 

Numero VERDE dedicato 800 94 24 04 – Mail: info@effepiellelab.it